Da probiotici a postbiotici, i batteri aiutano contro malanni

Quale è la differenza tra prebiotici, probiotici e postbiotici? Ecco un estratto di un’intervista che ha rilasciato recentemente la Prof.ssa Maria Rescigno:

“I probiotici, come il Lactobacillus sono batteri buoni contenuti in alimenti come lo yogurt, che, una volta raggiunto l’intestino esercitano un’azione di equilibrio sulla microflora. I prebiotici invece sono fibre che si trovano in verdura o legumi e non sono assimilabili ma favoriscono la crescita di batteri utili già presenti nell’intestino, ovvero permettono ai probiotici di proliferare. Sono invece meno noti i cosiddetti postbiotici“, prosegue “cioè i metaboliti prodotti dalla fermentazione svolta dai probiotici.  Attraverso studi in vitro, abbiamo riscontrato che, in particolare, quelli derivati dalla fermentazione del latte con L. paracasei CBA L74 svolgono un’attività antiinfiammatoria, regolando la produzione di due citochine chiave per il sistema immunitario.

Per saperne di più: